ECONOMIA

Mercato aperto

Anno

2020

Dove

Mercato dell’ortofrutta di Piazza della Repubblica

Partner

Eco dalle Città – Progetto Ecomori, Associazione Arteria

Richiedi informazioni

Porta Palazzo al tempo del Covid

Punto di riferimento dell’intera città e motore del quartiere, il mercato scoperto dell’ortofrutta di Porta Palazzo è stato costretto a sospendere la propria attività nel mese di marzo 2020 a causa dell’emergenza Covid-19.

Come stabilito da Decreto Regionale, dal 23 marzo 2020 tutti i mercati cittadini hanno infatti sospeso le proprie attività, per riprenderle solo una volta introdotte misure di sicurezza, distanziamento e controllo degli accessi.

Se per i mercati rionali della città la riapertura è avvenuta in pochi giorni, per il mercato di Porta Palazzo è stato necessario un faticoso lavoro di concertazione.

Accogliendo l’invito dell’associazione Eco dalle Città, la Fondazione – in quel momento ancora in via di costituzione – si è attivata per offrire un sostegno concreto, ponendosi al fianco delle operatrici e degli operatori del mercato per promuovere e facilitare una sua riapertura in sicurezza. 

Il mercato di Porta Palazzo, con la sua offerta di prodotti freschi a prezzi contenuti, costituiva infatti un servizio essenziale per la città, soprattutto in un momento di significativa contrazione economica sia per i consumatori sia per centinaia di commercianti.

CONDIVIDI

Insieme ai commercianti è stato elaborato e concordato con il Comune un progetto di messa in sicurezza, con la delimitazione dell’area e la riorganizzazione dei banchi. Inoltre, insieme a Eco dalle Città e all’associazione Arteria è stato messo in piedi un servizio di controllo degli accessi e gestione dei flussi, impegnando ragazze e ragazzi che con l’emergenza COVID-19 avevano subito l’azzeramento improvviso e imprevisto delle proprie entrate e che non potevano beneficiare di altre forme di sostegno economico. 

Grazie a queste misure, finalmente il 4 maggio 2020 il mercato dell’ortofrutta ha potuto riprendere la propria attività, con un sistema di controllo volto a garantire la massima sicurezza per clienti e commercianti.

La Fondazione ha sostenuto una quota pari a un terzo del costo dei contratti di lavoro per gli operatori della sorveglianza e ha curato la formazione delle/dei giovani assunti dall’associazione Eco dalle Città. Inoltre ha coinvolto nel progetto le Farmacie di Piazza della Repubblica, che hanno fornito gratuitamente le mascherine e i dispositivi di protezione necessari per gli operatori.

Il progetto ha avuto una durata di due mesi, dopo i quali – con l’attenuarsi della fase più critica dell’emergenza – fortunatamente il mercato ha potuto riprendere la propria normale attività.

Dove

Scrivici per maggiori informazioni

Foto di Giorgio Mancuso

Lettera aperta alle istituzioni torinesi sullo sgombero di corso Giulio Cesare 45

A seguito dello sgombero della palazzina di corso Giulio Cesare 45 dello scorso 19 gennaio, d

foto di Andrea Maria Vittoria Belotti

Il tema dell’abitare nel quartiere

 Il tema dell’abitare in Porta Palazzo, Borgo Dora e Aurora è tra i punti prioritari dell

Un ritratto d’autore per riaprire il giardino del Balon

  Continua la campagna di crowdfunding #riapriamoilgiardinodelbalon. Sabato 16 gennaio

Aiutaci a riaprire il giardino del Balon

  Una raccolta fondi per riaprire il giardino del Balon Il giardino cardinale Michele

Petizione per salvare il mercato di Libero Scambio

Una petizione online per salvare il mercato di Libero Scambio dalla chiusura A seguito delle